IL PIÙ IMPORTANTE MONASTERO DEI COLLI EUGANI

L’Abbazia di Praglia, sorge nel territorio del comune di Teolo (a circa 12 chilometri da Padova), ai piedi del Monte Lozina, ed è senza dubbio il più importante e suggestivo luogo spirituale dell’aerea dei colli Eugani.

L’Abbazia, un monastero benedettino molto antico, fu fondata tra il XI e il XII secolo per iniziativa della nobile famiglia vicentina dei Maltraversi. Il nome deriva dal termine medievale “pratalea” (località tenuta a prati) e si rifà probabilmente alla grande opera di bonifica e di messa a coltura di terre paludose della zona avviata proprio dai Benedettini nel Medioevo. Dopo una fase di decadenza, nel 1448 iniziò la rinascita grazie al legame con la potente Abbazia padovana di Santa Giustina, guidata da religiosi riformatori. In quegli anni avvenne anche la ricostruzione della chiesa e di parte degli ambienti monastici.

L’Abbazia fu fiorente nei secoli successivi, fino alla soppressione napoleonica del 1810. Nel 1834, grazie all’appoggio del governo austriaco, i monaci rientrarono nel monastero. La ripresa della vita benedettina a Praglia ebbe però breve durata. Il 4 giugno 1867 venne applicata nel Veneto la legge che sopprimeva nuovamente tutte le corporazioni religiose. Così la comunità fu sciolta una seconda volta. La maggior parte di essa trovò rifugio nel monastero di Daila (Istria), allora in territorio austriaco. A Praglia rimasero solo due o tre monaci come custodi del monastero.

Il 26 aprile 1904 due monaci ritornarono in monastero e il 23 ottobre seguente poté riprendere a pieno la vita regolare che continua fino ai nostri giorni.

VOLANTINO ABBAZZIA DI PRAGLIA

Per info e prenotazioni: AGENZIA VIAGGI SANTERNO